Pubblicato in: luoghi, Senza categoria, slovenia,, turismo,

SLOVENIJA: Poletna ohladitev na vrhu Vogla (1.922 m) — Andreja’s WORLD

V tem tednu nas je pa pošteno pregrelo. V soboto sva se morala umakniti višje, kjer se da vsaj malo dihati. Za planinski izlet sva si izbrala Vogel (1.922 m), ki ga še nikoli nisva obiskala. Seveda sva že bila večkrat z gondolo na “Voglu” in se malce sprehodila, ampak planinarila pa v teh koncih […]

SLOVENIJA: Poletna ohladitev na vrhu Vogla (1.922 m) — Andreja’s WORLD
Pubblicato in: fotografie, luoghi, slovenia,, turismo,

Preko šest mostov — u t r i n k i

Pohod šestih mostov, s katerim krajani Mosta na Soči, Volč in Tolmina promovirajo čim prejšnjo obnovo mostu in novogradnjo treh brvi, ki bi posodobili prometne in peš tokove in nadgradili turistično infrastrukturo. Do takrat pa nas na mestih dveh brvi prepeljejo preko reke Soče s splavom in rafti… Še posebej zaželjena je brv med Tolminom […]

Preko šest mostov — u t r i n k i
Pubblicato in: friuli, luoghi, minoranza slovena, reblog

Il rogo nel porto. L’incendio del Narodni Dom il 13 luglio 1920 —

«Piazza Oberdan era piena di gente che gridava in un alone di luce scarlatta. Attorno al grande edificio invece c’erano uomini in camicia nera che ballavano gridando: “Viva! Viva!”. Correvano di qua e di là annuendo con il capo e scandendo: “Eia, eia, eia!”. E gli altri allora di rimando: “Alalà!”. Improvvisamente le sirene dei […]

Il rogo nel porto. L’incendio del Narodni Dom il 13 luglio 1920 —
Pubblicato in: friuli, luoghi

Monteaperta-Viškorša

MonteapertaViškorša è una frazione di 219 abitanti del comune di Taipana, in provincia di Udine. Questo villaggio, una volta Villa indipendente (citato nell’ispezione canonica del 10 giugno 1737 come Villa di Monteaperta) che comprendeva anche le frazioni di Cornappo, di Ponte Sambo e di Debellis, è attualmente compreso nel comune di Taipana-Tipana della provincia di Udine, in Friuli-Venezia Giulia, che è distante 3,93 chilometri. Monteaperta fa parte dell’Iter Aquileiense o Cammino Celeste: si tratta di un passo o via di pellegrinaggio molto vecchio, con una lunghezza totale di 360 km, che collega il santuario di Maria Saal (Austria) e Brezje (Slovenia) ad Aquileia, in Italia.

da wikipedia

Monteaperta sorge a 659 m s.l.m., tra i rilievi delle Prealpi Giulie, nel bacino del rio di Monteaperta e del torrente Cornappo. La frazione si estende per oltre 2 km di lunghezza, tra 500 e 659 metri, in posizione panoramica ai piedi del Gran Monte, una grande catena montuosa situata tra i torrenti del Cornappo, del Torre e del fiume Isonzo. Il territorio su cui si estende Monteaperta fa parte di una vasta area denominata Alta Valle del Torre Alta Val Torre della Slavia friulana chiamata Benečija . Da un punto di vista geomorfologico la catena del Gran Monte è, a partire dalla pianura friulana, il primo gruppo di monti di grandi dimensioni che costituiscono le Prealpi Giulie, di altitudine superiore ai 1600 metri. La roccia è calcarea, con fenomeni carsici (inghiottitoi, doline e grotte). L’area nei pressi della frazione è ricca di sorgenti (come la sorgente del Vescovo) che alimentano città vicine.

Persone legate a Monteaperta

  • don Arturo Blasutto (1913-1994), sacerdote. Nacque a Monteaperta il 23 ottobre 1913. Celebrò il 26 luglio 1936 a Monteaperta la sua prima messa. Vicario a Oseacco di Resia, Liessa (comune di Grimacco) fino 1955 dove fu rimosso dal suo incarico perché parlava sloveno e si ritirò a Monteaperta. Il 26 luglio 1986 celebrò con due sacerdoti nativi di Monteaperta, don Luigi e don Celeste Blasutto, il 50º anniversario della sua prima messa. Morì il 17 settembre 1994. Monsignore Alfredo Battisti, arcivescovo di Udine celebrò la messa funebre nella chiesa parrocchiale di Monteaperta.
  • don Celeste Blasutto (1915-2000), sacerdote. Nacque a Monteaperta il 10 novembre 1915. Fu ordinato sacerdote nel 1941. Trascorre il tempo di guerra come prete a Vittorio Veneto (1941-1943), poi come insegnante (1943-1945). Dal 1945 al 1947 lavora a TorinoRevigliascoAlpignano nel dipartimento di stampa e di propaganda per la fede. Nel 1947 andò in Mozambico e lavorò come curato di Mambone e Maimelane (1947-1950). 1950 diventò superiore e parroco di Maimelane fino 1964 quando fu trasferito a Mapinhane poi Muvamba, Massinga, Funhalouro e Mambone. Nel 1976, per motivi di salute, tornò in Italia e continuò la sua missione ed il suo servizio pastorale a GenovaMilano e Bedizzole. Si recò in Svizzera, dove lavorò come cappellano presso l’ospedale di Locarno. Nel 1984 si ritirò definitivamente alla casa missionaria del Beato Giuseppe Allamano a Alpignano. Il 11 luglio 2000, dopo essersi fratturato il femore e a causa di complicazioni polmonari, morì. Monsignore Aldo Mongiano celebrò la messa funebre il 13 luglio 2000.
  • Jan Niecislaw Baudoin de Courtenay (1845-1929), slavista e linguista. Nacque a Radzymin (Polonia) il 13 marzo 1845. Laureato in filosofia aLipsia (Germania), fu professore di filologia slava presso le università di San PietroburgoKazan’Dorpat e Cracovia. È famoso per la sua teoria del fonema e dell’alternanza fonologica. Dedicò la sua particolare attenzione al dialetto resiano e ai dialetti slavi del Torre, raccogliendo importantissimi materiali dialettologici negli anni 1873-1901, consegnati già nel 1902 alla Biblioteca Accademica Imperiale delle Scienze di San PietroburgoMaterialy dlja južnoslavjanskoj dialektologiji i etnografiji (1895). In questo libro consacra 16 pagine a Monteaperta (“Viskwòrša”), scritte durante i suoi soggiorni del 1873 e del 1901 a Monteaperta. Fu l’amico di Paolo e Giovanni Pascolo di Monteaperta (Pàuli e Žwan Pascolo-Sòwt): “Per i N° 273-295, …, sono debitore a Ivan Pascolo detto Sout, (Žwan Pascolo-Sòwt), di anni 65, di Monteaperta inferiore; nel 1901 era già stato sepolto”. Morì il 3 novembre 1929 a Varsavia (Polonia).
  • Pavle/Paolo Merkù, compositore e noto slavista. Nacque a Trieste il 12 luglio 1927. Laureato in slavistica a Lubiana, ha conseguito il dottorato a Roma. Professore di sloveno, giornalista, si è dedicato per molti anni in regione Friuli-Venezia Giulia alla raccolta di materiale etnografico. Ha raccolto e trascritto poesie, canti e racconti di Monteaperta.
  • https://it.wikipedia.org/wiki/MonteapertaJean Marc visita il laboratorio
    Maestra Rika Murata – sabato 5 settembre, ore 18:00, concerto in chiesa della Santissima Trinità di Monteaperta.

A Monteaperta  nel Borgo di Sopra , esisteva un laboratorio di Liuteria antica di Marco Ternovec dove si  restaurano e producono  viole da gamba e violini .Il signor Marco Ternovec ha sposato  Rika Murata che si esibisce in molti concerti.Ora si è trasferito in Germania.

da wiikipedia
Pubblicato in: friuli, luoghi, piante, reblog

Prodotti della terra

Oltre al rinomato bulbo resiano, nella Val di Resia si coltivano patate, fagioli, e altre orticole, e un po’ di grano saraceno (Jöjda), ortaggi che furono le principali coltivazioni anche in passato. Il grano saraceno per esempio, veniva consumato come polenta, costituiva l’alimentazione di base per la popolazione resiana. L’agricoltura si effettua nei piani vicini alle principali frazioni della valle e alcuni abitanti coltivano i propri orti anche in prossimità delle “planine” (stavoli di montagna).

Passeggiando per i boschi e prati della Val Resia, a seconda della stagione, si possono raccogliere diversi frutti: dai lamponi e more, alle noci e noccioline, nonchè altri preziosi doni della natura quali i fiori di sambuco, diverse varietà di funghi e numerose specie di erbe spontanee impiegabili, oltreché in erboristeria, anche in cucina o come pronto rimedio a piccoli malesseri.

https://www.ecomuseovalresia.it/cultura/tipicita/prodotti-della-terra/

Pubblicato in: luoghi, reblog

Friuli Venezia Giulia: un tuffo nel passato a Cividale — La Biblioteca di Daniela

La tappa odierna del mio viaggio virtuale attraverso l’Italia è rappresentata dal Friuli Venezia Giulia, una regione a suo modo di frontiera, decentrata rispetto alle maggiori città e attrattive turistiche del Paese e per questo spesso dimenticata tanto dai tour operator quanto dai privati che stanno programmando le proprie vacanze. Io stessa non vado in […]

Friuli Venezia Giulia: un tuffo nel passato a Cividale — La Biblioteca di Daniela
Pubblicato in: friuli, luoghi

Sulla prima centralina elettrica della Carnia, a Pusea di Verzegnis. — Non solo Carnia

Questa volta vi presento un altro problema per la Carnia: quello della salvezza delle sue bellezze e dei segni della sua storia antica e materiale. Leggo che sono molte qui le persone, che le forze dell’ordine cercano di identificare, che girano con un metal detector in mano, oggetto che dovrebbe venir vietato. Ma ci sono…

Sulla prima centralina elettrica della Carnia, a Pusea di Verzegnis. — Non solo Carnia
Pubblicato in: friuli, luoghi, turismo,

SETTIMANA CON ForEst – Studio Naturalistico!

Giornate calde noi vi portiamo a rinfrescarvi 🙂⛰️❄️

🏔

sabato 02 Luglio

Ai piedi del Plauris – La Val Venzonassa fino a Malga Confin


Escursione alle pendici del Plauris, risalendo tutta la Val Venzonassa attraverso Casera Ungarina e Malga Confin
.

a cura di Sportland

e Italy Trip Idea👉https://www.studioforest.it/esperienze/?article=sportland-malga-confin




NELLE PROSSIME SETTIMANE
🌱

mercoledì 06 luglio 2022Invito a Pranzo

nelle Valli del Natisone – Nel mondo vegetale della val Erbezzo

Escursione botanica alla scoperta del mondo vegetale di Altana e Seuza, sui versanti della valle dell’Erbezzo, con super pranzo alla Trattoria Da Walter

.👉https://www.studioforest.it/esperienze/…💦

venerdì 08 Luglio 2022 – (verso sera)

Passeggiata al tramonto lungo le acque del Lavia

Piacevole escursione al tramonto tra i fruscii dei boschi e i gorgoglii delle acque del torrente Lavia, a Santa Margherita

Con CollinareFvg

e Italy Trip Idea👉https://www.studioforest.it/esperienze/?article=collinare-lavia&cats
🌄

sabato 09 Luglio 2022

Il Col Quaternà – Sulle pendici della montagna di fuoco

Quinta escursione del ciclo “Le 8 montagne” sul Col Quaternà, incredibile e panoramico camino vulcanico dei monti del Comelico
👉https://www.studioforest.it/esperienze/?article=otto-montagne-col-quaterna




TREKKING LUNGHI



- 🏔

giovedì 21 Luglio 2022 – 24 luglio

Nel regno di grifoni e stambecchi

4 giorni alla scoperta di alcuni angoli del Friuli al confine con la Slovenia. Conosceremo le Valli del Natisone, il Collio e le Prealpi Giulie, con i loro abitanti, camminando tra praterie, trincee, vigneti e rupi.

⛰️

mercoledì 31 Agosto 2022 – 3 settembre 2022

Trekking lungo la Traversata Carnica 2022

Un trekking in alta montagna lungo 4 giorni per godere delle alte quote della Traversata Carnica tra boschi e antiche rocce.👉https://www.studioforest.it/esperienze/?article=traversata-carnica-2022&cats=
📩

ISCRIZIONI APERTE per tutte le passeggiate!


Tutte le INFO al nostro sito alla sezione ESPERIENZE
👉https://www.studioforest.it/esperienze/


Per ora è tutto! A presto!#staytuned

Pubblicato in: luoghi, slovenia,, turismo,

Suha. Il Giudizio finale nella chiesa di San Giovanni Battista — Visioni dell’Aldilà

Suha è un villaggio situato nei dintorni di Škofja Loka, nella regione dell’Alta Carniola in Slovenia. È un antico insediamento, con la sua prima menzione in documenti risalenti al 973. La chiesa a navata unica dedicata a San Giovanni Battista (Cerkev sv. Janeza Krstnika) per la qualità dei dipinti è uno dei monumenti culturali sloveni […]

Suha. Il Giudizio finale nella chiesa di San Giovanni Battista — Visioni dell’Aldilà
Pubblicato in: friuli, luoghi

La villa delle cipolle a Trieste

Un angolo di Russia a Trieste

Silvia Granziero 24 Giugno 2022

Un’insolita villetta dalle cupole dorate in stile russo domina alle spalle della pineta di Barcola a Trieste.

Al civico 229 di viale Miramare a Trieste, proprio di fronte all’affollata Pineta di Barcola – spazzata dal vento in inverno, d’estate presa d’assalto dai cittadini in modalità relax per un tuffo o un aperitivo fronte mare – c’è una casa diversa dalle altre. I triestini la chiamano casa dele zìvole, casa delle cipolle, per via delle cupole dorate a cipolla che la caratterizzano, emergendo in maniera netta dal profilo asburgico degli edifici circostanti. L’effetto è straniante: mura dai colori pastello e finestre di ispirazione veneziana sono dominate da una silhouette inequivocabilmente russa completamente fuori luogo sulle sponde del Mediterraneo settentrionale, tra uno spritz e un tuffo, dando forma a una villetta che sembra planata direttamente da Mosca.

La Villa delle Cipolle

https://www.eastjournal.net/archives/126268