Pubblicato in: reblog

Persone scomparse nel nulla. Cosa fanno i russi nei territori occupati?

Matteo Zola 27 Giugno 2022

Una mattina di gennaio Zelimkhan Murdalov saluta ed esce di casa per andare all’università. Ma non è una mattina qualunque, è il 2 gennaio 2001, a Grozny, Cecenia. La città, conquistata pochi mesi prima, è in mano ai russi. Quel che resta, almeno. Zelimkhan Murdalov si chiude la porta alle spalle per l’ultima volta. Non tornerà mai più. I genitori verranno a sapere che è stato arrestato. Alla stazione di polizia di Oktyabrsky, dov’è detenuto, li rassicurano. Lo rilasceranno presto. Una menzogna. Il ragazzo è stato bastonato a colpi di manganello, poi torturato con scariche elettriche. Il corpo verrà restituito alla famiglia con un braccio rotto, un orecchio strappato, la testa spaccata. Il caso di Murdalov sarà poi raccontato in un articolo, “Lo scomparso“, pubblicato su Novaya Gazeta a firma di Anna Politkovskaja. Il clamore costringerà le autorità ad aprire un’inchiesta e, nel 2005, il suo assassino – un agente russo dell’OMON – verrà condannato.

La guerra sporca

Il suo non fu un caso isolato. Già nel 2001, a guerra in corso, Human Rights Watch aveva documentato 113 casi di persone scomparse nel nulla. Alla fine della guerra il numero delle persone scomparse si aggirerà tra le tremila e le cinquemila. La gran parte di loro è rimasta senza giustizia e, in molti casi, il corpo non è stato ritrovato. La detenzione di migliaia di persone con il pretesto di avere informazioni su sospetti membri di gruppi armati ceceni e sui loro parenti era diventata una pratica ordinaria in Cecenia, condotta su larga scala dall’esercito russo, dalle forze di polizia e – in misura minore – dalle milizie cecene filorusse. Venne chiamata “la guerra sporca“. Le forze armate russe circondavano villaggi o quartieri allo scopo dichiarato di trovare armi, perquisivano case e luoghi di lavoro, e portavano via persone a caso. Detenute senza accusa, non potevano avvalersi di assistenza legale. I racconti di chi è sopravvissuto parlano di pestaggi, torture con scariche elettriche che facevano perdere i sensi, violenze psicologichemutilazioni fisiche.

L’arbitrio eretto a legge

Nei territori occupati, i russi agivano nel più totale arbitrio. Il 26 novembre 2001 le forze russe circondarono il mercato centrale di Grozny, scesero dai mezzi blindati sparando sulla folla, distruggendo le bancarelle, rubando la merce e uccidendo i negozianti che protestavano. Alcune persone vennero portate via, allungando l’elenco degli scomparsi. Si trattò di una rappresaglia per l’uccisione di due soldati russi che ebbe luogo pochi giorni prima nello stesso mercato. Un mese prima, truppe russe avevano accerchiato l’ospedale di Urus-Martan, arrestando medici e pazienti. L’università di Grozny venne circondata in dicembre, circa un centinaio di uomini fecero irruzione nell’edificio. Dopo aver raggruppato nell’atrio docenti e studenti, ne rapirono una ventina. Alcuni di loro furono ritrovati, cadaveri, in primavera, lungo le sponde del Sunzha. Liberati dal disgelo del fiume, scendevano lungo il suo corso a chilometri da Grozny.

La Russia responsabile

Tutto era concesso in quella guerra, che guerra non era ma “operazione speciale anti-terrorismo“, come l’avevano battezzata al Cremlino…https://www.eastjournal.net/archives/126615