Pubblicato in: Senza categoria

‘A Mosca siamo la maggioranza’: il politico di opposizione Ilya Yashin, che vive ancora in Russia e denuncia il regime

di Meduza

Di fatto, la Russia è sotto legge marziale da tre mesi a questa parte. Le proteste contro la guerra sono illegali, i media indipendenti sono stati bloccati e chiunque diffonda “fake news” sull’esercito russo (ad esempio riportandone i crimini di guerrarischia fino a 15 anni di carcere. In un simile clima, un gran numero di giornalisti, attivisti e politici dell’opposizione ha lasciato il paese. Ilya Yashin è una figura rara: ha scelto di rimanere in Russia, ma ha anche fatto apertamente riferimento alla guerra come tale (violando perciò la legge). Di conseguenza, finora sono state presentate nei suoi confronti quattro denunce per reati amministrativi nei suoi confronti. Svetlana Reiter, inviata speciale del sito indipendente russo Meduza, ha parlato con Yashin di ciò che è cambiato a Mosca dal 24 febbraio e del perché ha scelto di rimanere in Russia.

Prima ancora che la Russia lanciasse l’invasione su larga scala dell’Ucraina alla fine di febbraio, i ranghi dell’opposizione interna si stavano assottigliando. L’attivista Alexey Navalny era stato avvelenato e imprigionato dalle autorità russe, i restanti media indipendenti del paese erano stati gravemente ostacolati da leggi che li dichiaravano “agenti stranieri” e ai politici critici nei confronti del governo veniva spesso impedito di candidarsi alle elezioni. Senza contare il leader dell’opposizione Boris Nemtsov, assassinato a Mosca nel 2015.

Da febbraio, le autorità hanno dato un ulteriore giro di vite. È ora illegale diffondere informazioni che “screditano le forze armate russe”, come i resoconti dei crimini di guerra commessi dai soldati russi in Ucraina; i russi possono persino finire in carcere per aver usato la parola “guerra” riferita all’invasione dell’Ucraina. Di conseguenza, la maggior parte delle figure di alto profilo sono fuggite dal paese o hanno smesso di parlare. Ilya Yashin, ex deputato comunale del distretto Krasnoselsky di Mosca, è una rara eccezione.

“Quella in Ucraina non è a nessun livello una ‘operazione militare speciale’: è la guerra più vera che ci possa essere”, spiega Yashin a Meduza. “Non ho intenzione di chiamarla in altro modo”.

Tra molti russi che si oppongono alla guerra, cosa significhi rimanere nel paese in tempo di guerra e cosa significhi andarsene è diventato un dibattito frequente ed emotivo. Il campione di scacchi e oppositore Garry Kasparov, ad esempio, ha accusato tutti coloro che sono rimasti di sostenere tacitamente il regime. Yashin, che teoricamente potrebbe essere arrestato in qualsiasi momento, considera tali dichiarazioni controproducenti.

“Sembra politicamente ed eticamente sbagliato mettere insieme le persone in un momento storico così difficile”, ha detto. Il movimento contro la guerra dovrebbe cercare l’unità; dovremmo cercare di trovare interessi comuni piuttosto che etichettarci a vicenda come ‘russi buoni’ e ‘russi cattivi’. Perché non risparmiamo le lotte intestine per il dopoguerra?”.

Allo stesso modo, Yashin non nutre alcun rancore nei confronti di coloro che se ne sono andati.

“Conosco molti emigranti che dopo essere partiti stanno portando grandi benefici al paese”, ha detto. “E conosco persone che non stanno facendo nulla e che vivono solo la dimensione privata. Ultimamente tutti discutono. Alcuni pensano che tutti quelli che se ne sono andati siano grandiosi e tutti quelli che sono rimasti siano complici del regime. Altri pensano che tutti quelli che se ne sono andati siano dei codardi e che tutti gli altri siano i veri, onesti combattenti contro il regime. Penso che siano un mucchio di stronzate. Una polemica artificiale”.

Mantenere la fede

Sebbene Yashin sia rimasto in Russia per massimizzare l’impatto come figura dell’opposizione, non passa il proprio tempo a protestare al Cremlino. Questo, ha detto, sarebbe un modo sicuro per farsi arrestare. Invece, conduce dirette su YouTube e posta sui social media, rivolgendosi direttamente ai suoi concittadini e dicendo loro la verità sulla guerra.

In teoria, per Yashin sarebbe facile fare altrettanto dall’estero, e certamente sarebbe più sicuro. Ma lui è convinto che sarebbe meno persuasivo se parlasse ai russi dall’esterno, per due ragioni. In primo luogo, gli è più facile riferire su eventi come i processi penali dei suoi amici avendo la possibilità di recarsi di persona in tribunale. In secondo luogo, per il suo pubblico è importante a livello emotivo sapere che lui si trova in Russia, vivendo le loro stesse esperienze.

“È vero che le persone che lasciano la Russia possono perdere il loro legame col paese e formare una sorta di realtà parallela nella loro testa”, racconta a Meduza. “Non ho una soluzione semplice per affrontare questo problema, non sono un emigrante. Ma noto questo problema e lo tengo d’occhio”.

C’è una buona ragione per cui Yashin è uno dei pochi – ne ricorda solo cinque – politici dell’opposizione ancora presenti in Russia: la legge può essere applicata rapidamente e le conseguenze di una presa di posizione possono essere dure. Yashin ha già subito quattro denunce amministrative per aver gettato “discredito” sull’esercito russo, perdendo di conseguenza il diritto di voto, e potrebbe essere arrestato in qualsiasi momento. Tuttavia, ha una speranza.

“Spero che Alexey Navalny non sconti l’intera pena di 15 anni con cui lo stanno minacciando; spero che la leadership russa cambi molto prima e che Navalny venga trionfalmente rilasciato e ricopra una delle più alte cariche governative”, ha dichiarato a Meduza. “Se non riuscite a immaginare una Russia decente e buona, un luogo in cui vogliamo vivere, non riuscirete mai a convincere nessun altro che sia possibile”.