ISTRUZIONI PER IL VACCINO

 DAL BLOG DELLA MIA AMICA IRINA DALLA SIBERIA

Non ho paura delle vaccinazioni: se necessario le inietto!

      Bene, pensaci, un’iniezione!
      Lo punsero e se ne andarono…

È solo un codardo che ha paura
di andare dal dottore per un’iniezione.
Personalmente, alla vista di una siringa,
sorrido e scherzo.

Sono uno dei primi ad entrare nello studio
medico.
Ho nervi d’acciaio
o non ho affatto nervi!
        

Cari lettori! Tutti ricordiamo fin dall’infanzia la poesia di Sergei Mikhalkov “Vaccinazione” . Mi sembra che questi versi siano scritti su di me. Dopotutto, sono il primo nella nostra famiglia ad essere vaccinato contro il coronavirus. 

A metà maggio, ho provato a registrarmi sul sito Web del servizio statale per iscrivermi a una vaccinazione, ma non ci sono riuscito. Si scopre che allora (non so come sia ora) la registrazione per i residenti della nostra regione è stata sospesa. È stato molto strano, ho aspettato, aspettato e sono andato in clinica da solo. Volevo andare presto, ma aspettavo la fine dell’anno scolastico. Non sapevo come mi sarei sentito dopo la vaccinazione, ma ho insegnato ai bambini. Non volevo ammalarmi alla fine dell’anno scolastico. 

Era già il 26 maggio. Ho dovuto fare una lunga fila all’anagrafe, dove mi è stato immediatamente offerto di vaccinarmi lo stesso giorno. ho acconsentito. Perché aspettare qualcuno? Mi hanno dato dei documenti da compilare. Ancora una volta, è il turno del terapeuta. Sai quante code ci sono in Russia!

Tutti coloro che sono vaccinati dovrebbero tenere un diario di autoosservazione sul sito web Gosuslugi, in cui annotare se si hanno complicazioni dopo la vaccinazione (basta mettere un punto nelle parole “sì” o “no”). Non è necessario tenere un Diario tutti i giorni, ma in determinati giorni, di cui verrai avvisato. Visto che ho fatto la prima vaccinazione il 26 maggio , e la seconda il 16 giugno (dopo 3 settimane), ho compilato il Diario il 27, 28, 29 maggio, 2, 9, 16, 17, 18 giugno. Mancano solo due giorni: 23 giugno e 7 luglio.

Il 16 giugno mi è stato inviato un certificato di vaccinazione in russo e inglese attraverso il sito web del Servizio di Stato. Ho preso screenshot, rimuovendo i miei dati personali (nome, data di nascita, numero di passaporto).

 Il vaccino che mi è stato somministrato si chiama “Sputnik ” (il suo secondo nome è GamKovidVak). Sono molto contento che questo particolare vaccino sia stato portato nella nostra città. Mi sento bene dopo la vaccinazione. Non ci sono state complicazioni. Anche le persone vaccinate possono contrarre il covid (ma non così gravemente) e devono anche indossare maschere mediche. Grazie a Dio, se morirò nel prossimo futuro, non sarà per il coronavirus!

Sul giornale “Komsomolskaya Pravda” (datato 4 giugno 2021), ho letto un interessante articolo intitolato “12 consigli su come comportarsi prima e dopo la vaccinazione contro il coronavirus”. Leggi attentamente e non aver paura!

 “Oggi il nostro Paese utilizza tre vaccini russi contro il coronavirus: lo Sputnik V Research Institute prende il nome Gamaleya (il suo secondo nome è “GamKovidVak”), “EpiVacCorona” del Centro scientifico di Novosibirsk “Vector” del Servizio federale per la supervisione della protezione dei diritti dei consumatori e del benessere umano, nonché “KoviVak” del Centro scientifico intitolato a Chumakov. In quei centri di vaccinazione, dove sono stati consegnati diversi tipi di vaccini contemporaneamente, solo un medico può scegliere il più adatto per una determinata persona, tenendo conto dello stato di salute del paziente, spiegano gli esperti.

Sulla base dei risultati degli studi clinici, tutti i vaccini registrati sono sicuri ed efficaci contro il covid. Tuttavia, come qualsiasi medicinale, la vaccinazione può avere effetti collaterali. Nella stragrande maggioranza dei casi, passano rapidamente e senza conseguenze. Allo stesso tempo, la pratica ha già mostrato una chiara tendenza: più una persona è anziana, meno effetti collaterali ha dopo il vaccino. I medici attribuiscono questo al fatto che con l’età il sistema immunitario si indebolisce, iniziando a lavorare meno attivamente e quindi dà reazioni meno pronunciate. Pertanto, è possibile che i rappresentanti della vecchia generazione (60+) in alcuni casi possano aver bisogno di una terza iniezione del vaccino (ora tutte le vaccinazioni utilizzate nella pratica clinica includono due iniezioni con un intervallo di 2-3 settimane). Questo, in particolare, è stato segnalato dai rappresentanti degli sviluppatori di EpiVacCorona e KoviVak.

Tuttavia, in ogni caso, la risposta dell’organismo all’introduzione di qualsiasi vaccino è molto individuale, ricordano i medici. Insieme ai medici, abbiamo compilato una selezione di suggerimenti che ti aiuteranno a trasferire il vaccino nel modo più confortevole possibile, a far fronte rapidamente a possibili effetti collaterali. E anche, cosa importante, l’adesione a queste semplici regole può aumentare le possibilità di sviluppare un’immunità a tutti gli effetti.

1. Se hai malattie croniche gravi (cardiovascolari, autoimmuni, cancro, diabete, ecc.) – vai a un appuntamento con il tuo medico per assicurarti che la malattia sia in remissione. Di per sé, tali malattie non sono una controindicazione assoluta alla vaccinazione. Inoltre, la vaccinazione contro il coronavirus in questi casi è particolarmente rilevante, poiché i pazienti cronici sono a rischio molto elevato di complicazioni pericolose del covid, fino alla morte inclusa. Ma è importante che al momento della somministrazione del vaccino lo stato del corpo sia stabile, non si osservi alcuna esacerbazione.

Inoltre, il medico curante aiuterà, se necessario, a regolare temporaneamente l’assunzione di farmaci (alcuni farmaci interferiscono con lo sviluppo dell’immunità durante la vaccinazione) e a scegliere il vaccino più appropriato.

2. Appoggiati agli alimenti che la nostra microflora intestinale “ama”. Contribuisce notevolmente allo sviluppo di una risposta immunitaria a un vaccino. Esistono due gruppi di prodotti così utili:

– prebiotici ricchi di fibra alimentare: ortaggi, cereali integrali, legumi, erbe aromatiche;

– probiotici – kefir, yogurt, yogurt, crauti.

3. Limitare l’alcol 3 giorni prima della vaccinazione (un bicchiere di vino o birra è accettabile, ma è meglio farne a meno per un paio di giorni).

4. Cerca di non sovraccaricarti, incluso non esaurirti con l’attività fisica in campagna o in palestra 1-2 giorni prima della vaccinazione.

5. È consigliabile dormire bene la notte per ridurre i livelli di stress (può peggiorare la risposta immunitaria al vaccino, anche se non in modo critico).

6. Dopo la vaccinazione, astenersi dall’alcool per un paio di giorni.

7. Il giorno della vaccinazione, si raccomanda di non visitare bagni, piscine, saune e di non nuotare in acque naturali.

8. Non esagerare con l’esposizione al sole. L’eccesso di luce UV influisce negativamente sull’immunità e può ridurre la produzione di anticorpi protettivi dopo la vaccinazione. I medici consigliano di prendere il sole prima delle 10-11 e dopo le 17-18, evitando il sole.

9. Astenersi da attività fisica intensa, attività sportiva intensa per un paio di giorni dopo la vaccinazione. Ma le passeggiate all’aria aperta, camminando a passo svelto sono molto ben accette. Migliorano la circolazione sanguigna e il funzionamento di tutti gli organi e sistemi del corpo, compreso il sistema immunitario.

10. Obiettivo per almeno 7-8 ore di sonno – Studi scientifici dimostrano che un sonno sano migliora l’immunità dopo la vaccinazione.

11. Mangiare cibi proteici: latticini, pesce, carne magra. Forniscono al corpo i mattoni necessari per la formazione di anticorpi protettivi.

12. Continuare ad adottare misure protettive: indossare maschere in luoghi affollati, lavarsi le mani, usare antisettici.

         Ricorda che l’immunità a tutti gli effetti si verifica in media 40 giorni dopo la prima iniezione del vaccino. Prima della scadenza di questo periodo, è importante non solo evitare di contrarre il coronavirus, ma anche di non contrarre un’altra SARS, enterovirus o altre infezioni. Possono interferire con l’effettivo sviluppo dell’immunità dopo la vaccinazione”.

          Cari amici! In questo post vi ho raccontato in dettaglio come sono stata vaccinata. Spero che tu lo trovi utile. Se in ogni paese fosse vaccinato il 60% della popolazione, allora le persone sconfiggerebbero il virus.

         Non sto facendo una campagna per la vaccinazione di nessuno. È diventato così spaventoso vivere. Vorrei che la pandemia finisse più velocemente. E vivremmo di nuovo sereni e felici, non avendo paura di andare nei negozi, prendere autobus, andare a teatro…

https://librarytreasurer.blogspot.com/2021/06/coronavirus-vaccine.html?showComment=1624171700548#c9021468886361833679

  Cari lettori! Grazie mille per i tuoi gentili commenti! Si prega di cercare di non utilizzare collegamenti attivi. Se sei un blogger, troverò il tuo blog utilizzando il tuo profilo Google.  Grazie mille per i tuoi gentili commenti! Per favore cerca di non mettere i tuoi link attivi. Se sei un blogger posso trovare il tuo blog con il tuo profilo Google.

Un pensiero su “ISTRUZIONI PER IL VACCINO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...