GIACOMO MATTEOTTI

MATTEOTTI , 10 GIUGNO 1924″

Uccidete pure me, ma l’idea che è in me non l’ucciderete mai.Io il mio discorso l’ho fatto. Ora voi preparate il discorso funebre per me.”Era il 30 maggio 1924 quando Matteotti denunciò alla Camera i brogli elettorali di Mussolini e dei suoi fascisti.Il 10 giugno, Matteotti fu rapito e ucciso nella campagna a pochi chilometri da Roma.Il corpo di Matteotti venne ritrovato solamente il 16 agosto del 1924 dal cane di un brigadiere in licenza, Ovidio Caratelli. Mussolini ( infame!!!!!) ordina al ministro degli Interni Luigi Federzoni di preparare imponenti funerali da tenersi però a Fratta Polesine, città natale di Matteotti, in modo da tenerli lontani dall’attenzione dell’opinione pubblica. La vedova Velia Titta Matteotti , a suon di VOGLIO E CHIEDO , scrive a Federzoni chiedendo che al funerale non fossero presenti esponenti del PNF e della Milizia fascista.Queste le sue coraggiose e nobili parole. Parole che vanno onorate.”Chiedo che nessuna rappresentanza della Milizia fascista sia di scorta al treno: nessun milite fascista di qualunque grado o carica comparisca, nemmeno sotto forma di funzionario di servizio. Chiedo che nessuna camicia nera si mostri davanti al feretro e ai miei occhi durante tutto il viaggio, né a Fratta Polesine, fino a tanto che la salma sarà sepolta. Voglio viaggiare come semplice cittadina, che compie il suo dovere per poter esigere i suoi diritti; indi, nessuna vettura-salon, nessun scompartimento riservato, nessuna agevolazione o privilegio; ma nessuna disposizione per modificare il percorso del treno quale risulta dall’orario di dominio pubblico.Se ragioni di ordine pubblico impongono un servizio d’ordine, sia esso affidato solamente a soldati d’Italia (Corriere della Sera, 20 agosto 1924).Giacomo e Velia ( 12 anni di vita insieme, fra fidanzamento e matrimonio)

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 2 persone

Pubblicato da

Olga

blog sul Friuli e le sue lingue

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...