Categorie
friuli luoghi

una CAMMINATA a … MOGGIO UDINESE -23 — Storie di Beta

Buongiorno. Zaino in spalla, scarponi ai piedi e via che si parte! Sono ritornata a Moggessa, una delle frazioni della splendida Moggio Udinese. Dalla prima volta sono passati più di trent’anni, poi altre volte assieme ai figli, facendo diversi “anelli” e adesso eccomi qua, sono ritornata anche con una memoria letteraria in testa, quella di […]

una CAMMINATA a … MOGGIO UDINESE -23 — Storie di Beta
Categorie
letteratura, slovenia,

C’è acqua quando è vuota la sorgente?

Joan Miró, Costellazione amorosa

Favole di fondali,
voci di oscurità
generano inquietudine
e nascosta nel tempo
risvegliano la fonte
che cade, cade
attraverso la pace
nel buio delle profondità
e sogna, sogna
la propria origine
fino ai dolori della nascita.

Ines Cergol, poesia tradotta dallo sloveno da Jolka Milič per la rivista “Fili d’aquilone” 

La letterata slovena Ines Cergol è nata nel 1959 a Capodistria, dove vive e lavora. Scrive e pubblica poesia, saggi, critiche letterarie, articoli e trattati specializzati in quasi tutte le riviste nazionali e anche all’estero. In passato, per vari anni, si è dedicata al giornalismo e a lungo è stata redattrice esterna per la casa editrice Lipa di Capodistria, e per altre editrici slovene ha curato parecchi libri. Da più di vent’anni organizza nel Capodistriano, in Croazia e in Bosnia-Erzegovina incontri culturali. Si occupa anche di traduzione dal croato in sloveno. Insegna sloveno al ginnasio di Capodistria, però – oltre alla lingua slovena – si è laureata anche in serbo-croato all’università di Ljubljana. In quanto membro attivo dell’Associazione degli scrittori sloveni ha fatto parte del suo comitato esecutivo ed è stata presidente dell’affiliata Associazione dei letterati del litorale con sede sul Carso, quest’ultima purtroppo fortemente in crisi.
Ha pubblicato tre raccolte di poesia: Globoko zgoraj (Profondamente in alto), 1991; Vmes (In mezzo), 1998 e Svetlobnica (Lucernario), 2005 e due libri di traduzioni di illustri poeti croati, e cioè Antun Branko Šimić e Mile Pešorda. È presente in tre antologie con testi a fronte: Tja in nazaj – Andata e ritorno, 2000; Due mondi … un sentiero – Dva svetova … ena pot, 2002 e Cinque – Pet, 2003. Anche nell’almanacco sloveno-inglese del Premio internazionale Vilenica, 2009 e nel terzo volume dell’Antologia delle poetesse slovene, 2007. Sue poesie messe in musica sono state registrate da Mojca Maljevac su CD Tina Omerzo Trio – Intima 2005.

https://ilsassonellostagno.wordpress.com/2018/10/28/ines-cergol-tre-poesie-tradotte-dallo-sloveno/

Categorie
attualità

buongiorno – doberdan – bundì

Potrebbe essere un'immagine raffigurante cibo, bevanda e spazio al chiuso
Categorie
letteratura,

MICHELE PIERRI

È VERSO LA FINE DI MAGGIO

È verso la fine di maggio
che a volte sbigottisce
e si confonde il sole
tra colore e colore
come l’unico pane tra le spighe di altri;

dolcemente così vicino sfilano
i visi, congiunzione non prevista
di questi giorni rari
tra binari e binari
abbagliando lo scambio…
oh fuggitivi baci!

(da De consolatione, Schwarz, 1953)

.

Che cos’hanno di tanto particolare i giorni verso la fine di maggio? Ma naturalmente quella dolcezza che ancora non è la collosa calura dell’estate e che non è più l’incertezza di primavera: il grano si fa maturo e assume il colore del sole. Di questa dorata dolcezza si nutre l’amore del poeta napoletano Michele Pierri.

.

FOTOGRAFIA © CASTLEGUARD/PIXABAY

https://cantosirene.blogspot.com/