Categorie
cibi friuli

Non tutti chiudono, Stazione Gjulia pronta a ripartire

In questa settimana di riaperture e zona gialla, nelle Valli c’è anche chi (ri)apre e continua a investire.
È il caso della Stazione Gjulia Agriristoro, nella zona artigianale di San Pietro al Natisone, che dopo l’inaugurazione nell’estate 2020 e un’attività che, come le altre del settore, ha proceduto a singhiozzo, è pronta per ripartire a pieno ritmo.
Da giovedì a domenica, negli ampi spazi all’aperto del locale, Laura (Simaz) e Fabio serviranno prodotti locali, vino Alturis e birra Gjulia. Quest’ultima prodotta a ‘zero metri’, visto che il birrificio Gjulia della stessa proprietà è prodotta nel capannone adiacente. Il locale infatti è nato da un’idea di Marco Zorzettig che, con il fratello Massimo, già nel 2012 ha deciso di puntare sulle Valli del Natisone per la produzione della sua linea di birra agricola. Oggi, ampliando l’offerta, ha deciso di investire ulteriormente sulle potenzialità del territorio, proponendo vendita diretta di prodotti e servizi dedicati anche ai turisti.

La Stazione Agriristoro Gjulia infatti non è solo una birreria, ma offre diversi servizi ‘self service’ disponibili anche nelle giornate di chiusura del locale. Le birre, prodotte con l’acqua del Monte Mija e in parte con produzioni agricole locali, sono disponibili anche attingendo ad una ‘fontana’ posta negli spazi esterni della Stazione da cui ci si può rifornire con un’apposita tessera ricaricabile. Con la stessa modalità, e da un ingresso separato rispetto al locale, si può accedere alle docce e al servizio di lavaggio per i cani. Il parcheggio è gratuito e sorvegliato dalle 7 alle 24. E, per i tanti visitatori in bicicletta, è disponibile il noleggio dei mezzi, il punto di ricarica gratuito per le e-bike e il punto di lavaggio con tanto di colonnina per l’assistenza meccanica.

Nel locale invece Zorzettig ha scelto di puntare il più possibile sui prodotti delle Valli del Natisone, dai succo di mela, ai dolci, alle materie prime per i piatti preparati in cucina, o comunque su produzioni locali, eliminando quelli della grande distribuzione. I salumi sono prodotti e confezionati dal salumificio Ferdino, della stessa azienda. I progetti in cantiere, ci spiegano Laura e Fabio, sono ancora tanti, alcuni in dirittura d’arrivo anche se, visti i tempi, meglio non correre troppo. Di sicuro l’auspicio di Marco Zorzettig è quello di poter creare una rete di collaborazione tra le aziende locali al fine di promuovere reciprocamente le attività ed il territorio

Di Olga

blog sul Friuli e le sue lingue

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...