La torcia olimpica ha iniziato il suo viaggio attraverso la Slovenia lungo l’Isonzo

La fiaccola olimpica slovena ha iniziato simbolicamente la sua marcia in tutto il paese prima delle Olimpiadi estive.La fiaccola ha iniziato il suo viaggio attraverso la Slovenia nella regione di Posočje in un modo molto pittoresco, poiché è stata consegnata dal Kanin prima con gli sci, poi con il paracadute, la bicicletta e il kayak, dopodiché è stata portata dai corridori all’aeroporto di Bovec-Plezzo e consegnata agli ex olimpionici Meta Mačus e Miran Gašperšič. Dopo la prima sosta ufficiale, la torcia è stata consegnata al Ponte Napoleone, dove è stata rilevata a Caporetto-Kobarid dalla maestra chef Ana Roš e dall’ex Miss Slovenia Lara Kalanj.

Sašo Taljat con il supporto di ŽNK Tmink. Foto: Blaž Močnik

La torcia slovena per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 è stata realizzata nell’acciaieria Sij Metal a Ravne na Koroškem da acciaio riciclato in combinazione con il legno come simbolo di forza, saggezza, connessione e speranza. La torcia è completata da una corona in acciaio nella silhouette del Triglav.

tradotto dal Novi Matajur

Busto Arsizio: ancora  morti  sul lavoro — Partito Comunista Italiano Federazione di Varese

Ancora  morti  sul lavoro  a Busto Arsizio Di Cosimo Cerardi (Segr, PCI Federazione di Varese) Ancora una volta  la lunga scia di morti sul lavoro è passata per Busto Arsizio un lavoratore di 49 anni, Cristian Martinelli, padre di due bambine di 7 e 8 anni è morto sul posto di lavoro schiacciato da una […]

Busto Arsizio: ancora  morti  sul lavoro — Partito Comunista Italiano Federazione di Varese