Una storia del cavolo

Potrebbe essere un'immagine raffigurante cibo e natura

Una storia del cavolo_1 di Adriano Del Fabro

da vita nei campi

In ogni orto friulano che si rispetti, vi è uno strop di cavoli. O, almeno, della famiglia: cavolo verza, cavolo cappuccio, verzottino… Questi ortaggi durano a lungo, sono abbastanza resistenti al freddo, produttivi e adatti alla trasformazione per l’utilizzo alimentare invernale. Le eccedenze di prodotto, un tempo, venivano barattate con i fagioli o con la frutta. Le foglie esterne o quelle delle piante troppo mature, entravano nella dieta del maiale di casa. Il dottor Geremia Simeoni di Cassacco, che esercitò l’arte medica nella seconda metà del Quattrocento, assegna ai cavoli freschi le virtù di migliorare la vista, far aumentare il latte delle puerpere e “soccorrere la voce roca”. Il poeta venzonese Nicolò Monrupino, vissuto tra il 1528 e il 1570, fra i suoi versi di “Lode al Primo d’agosto”, associa le verze cotte con prosciutti e cervella. In una locanda di Forni di Sopra, nel novembre del 1706, a un drappello militare di passaggio vennero serviti, tra l’altro, broccoli in umido, broccoli alla griglia e capucij.Nel 1708, nella lista delle cibarie acquistate dal sacerdote di Palazzolo dello Stella, Antonio Gregoratto, entra anche il craut.La ricerca statistica promossa dal governo francese nel 1807, registra che a Cercivento e Paularo, tra l’altro, si coltivavano cavoli, “capucci e altri erbaggi”.Secondo un documento datato 1820, a Sauris il craut (cavolo cappuccio fermentato) era parte consolidata dei pranzi-tipo degli abitanti del posto.Nella descrizione delle orticole coltivate nel Monfalconese, stesa dall’abate Leonardo Brumati, nel 1844, l’uso del cavolo cappuccio viene indicato come componente della preparazione dei crauti. La Società agraria friulana, all’interno dei “Cenni sulle condizioni meteorologiche, economiche e sanitarie della Carnia relativamente all’anno 1863”, scrive: “I cavoli, le verze, gli asparagi e gli altri erbaggi ebbero quest’anno poco vigore; ciò dicasi specialmente dei cavoli bianchi (cappucci), che sono per la Carnia un interessante prodotto, perché, pestuggiati, se ne fa il così detto crauto, ottimo cibo per tutto l’anno”.La contessa Giuseppina Perusini Antonini, a metà degli anni Sessanta, mise insieme la raccolta dei testi che poi avrebbe pubblicato poco tempo dopo. Ecco cosa scrisse al capitolo dedicato alle verze e ai broccoli. “Le verze erano, con le rape, uno degli ortaggi più diffusi presso il popolo, come si è già notato. Diverse sono le varietà; venivano cucinate in tegame oppure lessate e anche mangiate crude condite con olio e aceto. Le foglie delle verze tagliuzzate e messe a inacidire in bariletti di legno con aceto e sale, davano i crauti (craut) di importazione forse austriaca, meno diffusi della brovade, tuttavia noti fino dal secolo XVI. Anche i broccoli venivano lessati e conditi in insalata”.

Autore: olga

blog sul Friuli e le sue lingue

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

graziella valeria rota

Uno spazio speciale per pensare, dire e fare, Tanti momenti e tanti incontri e condivisioni nel fare arteVita. Tutte le possibili tecniche, espressioni per cambiare e condividere momenti di perplessità della vita comune tra esseri viventi. Donne e uomini hanno bisogno di capirsi senza violenza, le parole, gli accordi sono il fondamento della relazione. Per tutto questo è il mio Blog

Free Content Collide.O.Scope

Curation e-Fun ✓☺

fiorella fiorenzoni

La vita è un sillogismo d'amore!

Tra Italia e Finlandia

Un blog per condividere le bellezze naturali e artistiche dei nostri due Paesi.

Yeni Belqis

Il blog di Chiara Peri

Kartka z brulionu

Witam i zapraszam do przejrzenia mojej twórczości.

WalkingRunCentroStorico ASD

“Se non sai dove andare, tutte le vie ti ci porteranno”. di #Confucio

Piccoli Camaleonti

Il blog sul bilinguismo per genitori intrepidi

MANUELA GHIRARDI - IDEE

Just another WordPress.com site

Ve la do io la Cina... e forse l'Asia

Racconti, storie, video, suggerimenti sull'Asia, con un particolare occhio alla Cina. Da una giornalista che vive in questo meraviglioso continente da 10 anni.

Erica Pinaffo

Fluffy Photos

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.

Ettore Massarese

un navigatore cortese

Tra la natura in famiglia

Travel | Interior Design| Handmade

Viaggiatoritaliani

Viaggia per imparare, scoprire, vivere

Chiacchiere Fotografiche

Il blog sulla fotografia, dallo scatto alla post produzione

Sonnenbarke

Ma dove troverò mai il tempo per non leggere tante cose? (Karl Kraus)

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: