Pubblicato in: Senza categoria

Nasce governo Draghi

Aggiungo un particolare, relativo alla cerimonia del passaggio della campanella. Mentre da ogni parte si invoca il rispetto delle norme igieniche e del lavaggio delle mani, aggiungendo le sanificazioni di microfoni e postazioni di comunicazione dopo ciascun intervento, il passaggio della campanella tra il Presidente uscente e quello entrante è avvenuto a “mani libere”, senza guanti e senza alcuna disinfezione del manico della campanella… E se uno dei due avesse starnutito o tossito, riparandosi con la mano prima di toccarla?  🤔😲😱
Intanto, aspettando la fiducia alla Camera e al Senato, non mancano le prime tensioni e i segni di un evidente malessere per la lista dei ministri scelti da Draghi. Ne vedremo delle belle al momento di varare qualche provvedimento in sede parlamentare. Nel frattempo si bofonchia…😟😯

Pubblicato in: varie

La transizione energetica — gaia baracetti

Per chi non lo sapesse, una delle ultime frontiere della devastazione ambientale è l’assalto ai pochi corsi d’acqua intatti o quasi rimasti, allo scopo di costruire centraline idroelettriche, coperti dal fatto che, ufficialmente, l’idroelettrico è rinnovabile, quindi ecologico, anzi green. Siamo tutti incantati dall’ennesima promessa di una tecnologia che ci permetterà di continuare con i […]

La transizione energetica — gaia baracetti
Pubblicato in: friuli, luoghi

Percorso natura (Pradamano-Udine) — Camminabimbi

A cavallo tra Laipacco e il comune di Pradamano si sviluppa il percorso natura, un itinerario ciclo turistico, che in alcuni punti incrocia anche la ciclabile Alpe Adria. L’itinerario complessivamente è di 18 chilometri, ma ovviamente può essere percorsa anche una parte più ridotta. Diversi sono i punti d’accesso. Uno è alla fine dell’abitato di […]

Percorso natura (Pradamano-Udine) — Camminabimbi
Pubblicato in: attualità

Ecco le differenze tra i vaccini

Anche in questo trentasettesimo aggiornamento settimanale il dott. Mario Canciani, allergo-pneumologo, fornisce notizie pratiche sull’infezione da Coronavirus, basate sulle domande che gli vengono poste più spesso. Poiché abbiamo visto che sempre più persone usano la terminologia esatta, iniziamo il nuovo anno con i termini corretti cioè useremo il termine SARS-CoV-2 invece di Corona e COVID-19 per indicare la malattia. Il report non vuole sostituire il ruolo del curante, né quelle della sanità regionale, le cui indicazioni invitiamo sempre a rispettare.

Per chi lo desiderasse ogni giovedì il dott. Canciani è presente su UdineseTV, canale 110, alle ore 21.00. Si parlerà anche di asma e di malattie allergiche. Poiché non si potranno fare delle domande in diretta, chi avesse dei quesiti, può mandarli a: studio@mariocanciani.com

SE I BAMBINI TRASMETTONO L’INFEZIONE, PERCHÉ NON LI VACCINIAMO AL PIÙ PRESTO?
In effetti qualcuno ha proposto di partire, dopo il personale sanitario, con i più giovani, che sono quelli che trasmettono di più il Coronavirus. Bisogna anche dire che i vaccini attuali non sono indicati sotto i 16 anni, non tanto per la loro pericolosità, ma perché mancano sperimentazioni in questa fascia di età. Ora è partito uno studio dai 12 anni, che dovrebbe dare indicazioni tra qualche mese.

CHE LEGAME C’È TRA VACCINO E VARIANTI?
Più il virus replica più è facile che abbiano origine le varianti, che come abbiamo già visto, derivano da un errore nella replicazione del materiale genetico virale. Quindi più vaccini facciamo più limitiamo la trasmissione del Coronavirus e meno varianti emergono. Naturalmente il rischio delle varianti diminuisce se manteniamo le misure contro la diffusione: mascherina, lavaggio delle mani, distanziamento, aerazione dei locali.

PERCHÉ SI DICE CHE IL VACCINO ASTRA-ZENECA È DIVERSO DAGLI ALTRI?
Rispetto ai vaccini Pfizer e Moderna, che utilizzano una frazione del materiale genetico del Coronavirus veicolata dai liposomi, questo vaccino utilizza un comune virus del raffreddore e del mal di gola chiamato Adenovirus, opportunamente modificato, per portare nelle nostre cellule il gene per la produzione delle proteine Spike, contro le quali viene attivata la difesa immunitaria. Il vaccino Astra-Zeneca viene inoculato con due iniezioni a distanza di 4-12 settimane, può essere conservato alla temperatura di un comune frigorifero ed è molto economico: poco più di 2 € a dose, contro i 12 € del vaccino Pfizer. Si è visto che la produzione anticorpale aumenta se la seconda dose viene fatta dopo 12 settimane. La protezione è variabile tra il 60 e l’80%, ma è probabile che gli anticorpi persistano più a lungo degli altri vaccini. L’età indicata è tra i 18 e i 55 anni; si pensa di inocularlo a personale scolastico e universitario, forze armate e di polizia, servizi essenziali ed altro personale a rischio…continua https://www.dom.it/ecco-le-differenze-tra-i-vaccini_v-cem-se-capiva-razlikujejo/