Pubblicato in: friuli

Una società per la terapia forestale

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 10Prossenicco-nella-neve-300x105.jpg

Nasce un nuovo ente per la promozione della terapia forestale secondo un approccio medico. Giovedì, 17 dicembre, a Gorizia è stato sottoscritto con atto notarile lo statuto della Società italiana medicina terapia forestale (SIMe-TeF); prossimamente, appena la situazione pandemica legata al Covid-19 lo permetterà dal punto di vista burocratico, ne seguirà la registrazione. A presiedere il nuovo sodalizio è il dott. Fabio Vassallo, pneumologo all’Ospedale di Gorizia. D’ora in poi la SIM e TeF promuoverà e sosterrà sul territorio nazionale la ricerca in materia di terapia forestale. Perseguirà questa missione promuovendo l’efficacia della terapia forestale negli ambiti clinici in cui sussiste evidenza attraverso i media, congressi e pubblicazioni, nonché conducendo e promuovendo studi clinici relativi alla terapia forestale.

Ricordiamo che la terapia forestale è stata messa a punto in Giappone. Lì è stato scoperto che dagli alberi dei boschi si liberano delle sostanze, chiamate terpeni, che hanno un effetto anti infiammatorio. Queste sostanze hanno effetti positivi sul sistema immunitario e per questo sono utili ai fini del trattamento di alcune patologie, ad esempio di quelle respiratorie. Sono già stati pubblicati, infatti, alcuni studi scientifici relativi alla cura dell’asma.

Al momento i sentieri di terapia forestale attivi in Friuli-Venezia Giulia sono pochi. Per essere definiti tali devono avere superato uno studio medico e attualmente questo studio è stato superato solo da un sentiero nelle Valli del Natisone e da alcune zone a Sauris e Fusine. Presto anche altre località, tra cui Prossenicco/Prosnid, potranno essere sottoposte a questo tipo di studio. Ricordiamo che a Prossenicco è stata selezionata una pista forestale vicino al Natisone, nella zona di Ponte Vittorio.

La Pro loco Prossenicco aps, presieduta da Sonia De Simon, si sta molto adoperando per lo sviluppo della terapia forestale nella piccola ma tenace frazione di Taipana/Tipana.

È importante precisare che la Società italiana medicina terapia forestale- SIMeTeF si propone di dare nuovo impulso alla terapia forestale ma, ovviamente, non a una sua sostituzione alle terapie tradizionali, che va a integrare.

Si tratta, infatti, di una terapia che potenzia il sistema immunitario e, associata a una terapia tradizionale, ne amplifica gli effetti. Così, se per le malattie respiratorie a volte può essere sufficiente, per altri tipi di malattie no. (Luciano Lister) https://www.dom.it/drustvo-za-spodbujanje-gozdne-terapije_una-societa-per-la-terapia-forestale/

Pubblicato in: friuli, luoghi, notizie

Coronavirus, ecco come si muove Comune per Comune

Coronavirus, ecco come si muove Comune per Comune

Come si sta muovendo il Coronavirus nei comuni della nostra regione? La fotografia arriva dall’aggiornamento settimanale della mappa della Protezione civile Fvg.

Anche questa settimana, l’area maggiormente colorata di blu è quella della montagna e della pedemontana del Friuli Occidentale, ormai da settimane nella morsa del virus. 

Cimolais mette a segno un nuovo ‘record’, con un’incidenza di 78,4 casi ogni mille abitanti, pari a 33 positivi e nove guariti. Non va meglio a Pinzano al Tagliamento, dove il dato è al 43,4 (68 positivi, 58 guariti e sei decessi), Claut, dove la prevalenza è di 37,8 (38 positivi, 62 guariti e un morto), Andreis a 35,5 (con dieci positivi e dieci guariti), Frisanco a 32,6 (21 positivi, 21 guariti e due vittime), Sequals a 31,5 (70 positivi, 95 guariti e cinque decessi).

Sotto il 3%, ma con dati comunque molto alti i comuni di Maniago a 28,4 (336 positivi, 415 guariti e 17 vittime), Erto e Casso a 28,4, Clauzetto a 28,2, Spilimbergo a 25,9 (308 positivi, 492 guariti e 30 vittime), Meduno a 25,1, Tramonti di Sopra a 22,3, San Giorgio della Richinvelda a 21, Travesio a 20,9 e Castelnovo del Friuli a 20,8. Si segnala anche Pravisdomini, con una prevalenza di 24,8 (86 positivi, 60 guariti e un decesso).

A discapito di questa ampia diffusione, resiste strenuamente in ‘bianco’, quindi è ancora Covid-free, Barcis, questa settimana in compagnia di altri quattro territori, ovvero le conferme di Drenchia e Stregna e le new entry Dogna e Raveo.

Guardando alla Carnia, restano blu Cercivento con un’incidenza al 28,7 (20 i positivi e 75 i guariti) e Sutrio al 23,3 (32 positivo, 152 guariti e un decesso), ma si colora anche Preone a 18,8.

Il resto del blu, nell’ex provincia di Udine, si muove a macchia di leopardo tra Nimis al 23,8 (66 positivi, 119 guariti e 10 decessi), Buja al 23,5 (156 positivi, 233 guariti e 10 decessi), Osoppo al 22,6 (68 positivi, 114 guariti e otto vittime), Martignacco a 22,5 (153 positivi, 252 guariti e nove decessi), Majano a 21 (127 positivi, 213 guariti e sette morti), Pulfero a 20,3 (con 21 casi, 37 guariti e tre decessi) e Lusevera a 20 (14 positivi, 18 guariti e un decesso)…continua https://www.ilfriuli.it/articolo/salute-e-benessere/coronavirus-ecco-come-si-muove-comune-per-comune/12/234916