Pubblicato in: varie

E non avete visto ancora niente — natangelo

E non avete visto ancora niente – La mia vignetta per Il Fatto Quotidiano oggi in edicola! #capitalhill #CapitolRiots #italiaviva #crisi #renzi #boschi #governo #fumettiitaliani #vignetta #fumetto #umorismo #satira #humor #natangelo L’articolo E non avete visto ancora niente proviene da natangelo.

E non avete visto ancora niente — natangelo
Pubblicato in: luoghi, minoranza slovena

Attimis, paesi montani senza tabelle bilingui

 

Attimis - Wikipedia
da wikipeda

“Purtroppo le risorse, relative ad un appalto gestito dall’Uti del Torre, non erano sufficienti per apporre le tabelle anche con i nomi sloveni delle frazioni montane. Il Comune però ha già provveduto con fondi propri ad acquistare tabelle con il toponimo sloveno che verranno poste sotto quelle nuove poste di recente”.

Sandro Rocco, sindaco di Attimis, spegne sul nascere le polemiche avrebbe potuto innescare la recente sostituzione delle tabelle all’ingresso dei paesi del comune. Alcuni lettori, circostanza che abbiamo poi verificato, ci hanno infatti segnalato che mentre sulle nuove tabelle del capoluogo appare la dicitura in italiano e in friulano Attimis/Atimis (nel comune vige sia la tutela della comunità linguistica friulana che quella dello sloveno, visto che il dialetto sloveno è parlato nelle frazioni montane) sulle tabelle dei paesi dei due versanti montani appare solo il nome italiano, come era già con quel- le vecchie. Gli abitanti di Porzus/ Porčinj, Forame/Malina e Subit/ Subid, dovranno attendere poco, dice Rocco: “Non appena pronte le porremo all’ingresso dei paesi”. “Come sempre – aggiunge il sindaco di Attimis – anche in questo caso abbiamo mostrato sensibilità nei confronti delle persone che vivono nelle frazioni montane del comune e siamo attenti a valorizzare la ricchezza linguistica che contraddistingue il nostro territorio”.https://novimatajur.it/attualita/attimis-paesi-montani-senza-tabelle-bilingui.html

Attimis (Atimis in friulano[4]Ahten in sloveno[5]) è un comune italiano di 1 710 abitanti[2] del Friuli-Venezia Giulia.

È il luogo originario della nobile famiglia Attems, abitanti dei due castelli di Attimis, il castello superiore e quello inferiore, abbandonati prima del 1500 quando venne eretta ai piedi di quest’ultimo una villa provvista di torri andata distrutta durante i bombardamenti del settembre 1944.

Durante la seconda guerra mondiale il territorio del Comune di Attimis ed in particolare le località di Forame, Porzûs, Racchiuso, Subit, furono interessate dalle attività della resistenza friulana con le operazioni delle unità partigiane Brigate Garibaldi e Brigate Osoppo[6]

Il paese di Subit in particolare, già dai giorni successivi alla capitolazione, avvenuta l’8 settembre 1943, fu luogo di nascita di una delle prime “bande” di partigiani e nel novembre ’43 fu sede di un reparto del 1° Btg. Garibaldi-Friuli e successivamente del primo battaglione regolare della zona est della Brigata Osoppo, che poi diventerà Divisione Osoppo.

Nel 1976 il comune fu devastato dal terremoto del Friuli, che provocò enormi crolli e danni soprattutto nelle frazioni montane, sconvolgendone l’aspetto originario.

Lingue e dialetti

Ad Attimis, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza la lingua friulana[8]. Ai sensi della Deliberazione n. 2680 del 3 agosto 2001 della Giunta della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, il Comune è inserito nell’ambito territoriale di tutela della lingua friulana ai fini della applicazione della legge 482/99, della legge regionale 15/96 e della legge regionale 29/2007[9].

Sono presenti inoltre varianti locali della lingua slovena, riconducibili al più ampio gruppo dialettale delle Valli del Torre, in ogni paese sono spesso chiamate dagli stessi parlanti po našen (traducibile con a modo nostro). Sono parlate soprattutto nelle frazioni di Forame/Malina, Subit/Subid e Porzus/Porčinj, spesso accanto al friulano.https://it.wikipedia.org/wiki/Attimis

Pubblicato in: storia, varie

Come si reinventa la Storia (con poca serietà) — La Bottega del Barbieri

il caso di Guido Comis “infoibato a sua insaputa” – Gian Luigi Bettoli (ripreso da http://www.storiastoriepn.it/) La vicenda della “foiba” del Ciaurlec è ormai troppo nota, per ritornare a discuterne qui nei particolari. Le sacralizzazione delle vittime, da parte dell’organizzazione nostalgica “Erasmo da Rotterdam” (possiamo cominciare a chiamarli con il loro nome, senza essere denunciati per…

Come si reinventa la Storia (con poca serietà) — La Bottega del Barbieri